Linee guida per scegliere un buon Maestro


Questi sono tempi in cui proliferano centinaia di palestre che offrono corsi di Gongfu e Taijiquan, la maggioranza dei quali interpretato da "insegnanti" poco preparati che molto spesso hanno imparato alcune  tecniche dalla partecipazione occasionale a seminari di alcune ore.
Segno dei nostri tempi, le persone si sono abituate a corsi rapidi, che però lasciano davvero poco al praticante.
Le pratiche proposte da questi insegnanti non hanno nulla a che fare con le tecniche marziali cinesi, se non una sequenza vuota, priva dei contenuti che fanno di quest'arte un ottimo metodo per l'autodifesa o per la cura della salute.
È necessario scegliere con attenzione il proprio Maestro, per evitare di incorrere in un insegnamento non corretto o addirittura pericoloso per il proprio corpo, ma non è facile senza una conoscenza adeguata.

Dopo 42 anni di pratica continua, con Maestri cinesi reputati tra i migliori in Cina, possiamo dare le seguenti raccomandazioni:

1 - Evitare insegnanti che non hanno un Maestro ben identificato per ogni stile che pratica, perchè sono quantomeno molto sospetti.
2 - Evitare gli insegnanti che hanno imparato solo attraverso stages e seminari, perchè hanno una conoscenza limitata.
3 - Evitare gli insegnanti che hanno smesso l’apprendimento o che hanno imparato da DVD o libri, perchè hanno una conoscenza nulla.
4 - Evitare i "santoni", ammantati di misticità esoterica o che pubblicizzano "insegnamenti segreti", perchè sono millantatori senza alcuna conoscenza.
5 - Evitare i corsi on-line e a distanza, perchè sono completamente inutili.

Occorre valutare attentamente alcuni parametri:

1 - Valutare il lignaggio del Maestro, per ogni stile che pratica, perchè dà la sicurezza della purezza della trasmissione dell'arte.
2 - Valutare la discendenza del Lineage, perchè i discendenti diretti sono più ricchi di conoscenza.
3 - Valutare se il Maestro è il rappresentante ufficiale di un lignaggio serio, perchè li qualifica come tali.
4 - Valutare il lignaggio del Maestro del Maestro, perchè anche lui potrebbe avere scelto un cattivo Maestro.
5 - Valutare gli studenti del Maestro, perchè un buon maestro crea allievi validi e preparati.
5 - Valutare gli anni di pratica del Maestro, perchè non si diventa esperti nell'arte in pochi anni.
6 - Valutare l'etica del Maestro, perchè egli è prima di tutto un educatore.

Infine, un insegnante cinese non è necessariamente un buon insegnante, così come essere italiani non significa sapere giocare bene a calcio.
Molti cinesi sono validi atleti, alcuni sono validi insegnanti, pochi sono ottimi maestri con conoscenze tradizionali.

Le persone credono che un insegnante sia automaticamente bravo e certificato, ma non è così perché in Italia non c’è una normativa e insegna chiunque, anche con pochi mesi di pratica o addirittura c’è chi impara da video.
E gli Enti ufficiali tesserano chiunque.

Tutti gli insegnanti, anche quelli cinesi, quindi dovrebbero essere valutati come indicato.
Infine, andate a vedere vari insegnanti, confronteli e chiedete ad esperti del settore.
Non fermatevi al primo insegnante vicino a casa, se l'insegnante che può darvi il vero e tradizionale Gongfu o Taijiquan è lontano andate comunque da lui.
Meglio imparare il vero piuttosto che il falso, per il resto tutto dipende dalla vostra voglia di allenarvi.

L'ultima delle raccomandazioni: dopo aver scelto il vostro maestro seguitelo sempre, in modo che possa farvi crescere sulla via della conoscenza e fare di voi un buon praticante di Gongfu o Taijquan