Call Us : (+39) 349 950 2451

Email: master@longzhao.net






LEGGI ARTICOLI INTERESSANTI SULLE DISCIPLINE CHE PRATICHIAMO

STRUTTURA E SISTEMA DELLO STILE DELLA MANTIDE RELIGIOSA SETTE STELLE

image


4 Mag. 2018

image

Struttura e sistema dello stile della Mantide Religiosa Sette Stelle

L’intero sistema del Qixing Tanglangquan ortodosso (intendasi con il termine “ortodosso” il sistema di trasmissione interno alla famiglia Lin N.d.T.) si basa sugli insegnamenti tramandati dal venerabile maestro Lin Jingshan (1885-1971).

         Utilizzando gli antichi esercizi interni (Nèigōng内功)come base, le forme (Tàolù套路) e le armi (Qìxiè 器械) come struttura, e il combattimento libero (Sǎnshǒu 散手) come strumento/applicazione pratica, lo stile della Mantide Religiosa delle Sette Stelle raggiunge una perfetta armonia tra lavoro interno e lavoro esterno del corpo.
Si dice a proposito della metodologia di allenamento: "Lavoro interno, Tecnica ed Applicazione sono una cosa sola".
Il Qixing Tanglangquan è composto da cinque parti essenziali:

-Metodo di lavoro interno (gon̄gfǎ 功法)
-Tecnica a mano nuda (quánfǎ 拳法)
-Tecnica con Armi (qìxiè 器械)
-Combattimenti prestabiliti (duìliàn 对练)
-Combattimento libero (sǎnshǒu 散手).

Il metodo di lavoro interno costituisce la base fondamentale, la tecnica a mano nuda il nucleo centrale, la tecnica con armi un ausilio all'allenamento, i combattimenti prestabiliti un metodo di allenamento e il combattimento libero lo scopo finale.

1- Metodo di lavoro interno (Gon̄gfǎ 功法)

         Il lavoro interno è la base dello stile. Lo studio e l'allenamento del Gon̄gfǎ riguardano la crescita e lo sviluppo dell’energia interna (nèiqì 内气), della forza interna (nèijìn 内劲) e del lavoro interiore (nèigon̄g 内功).
Gli antichi dicevano "se alleni i pugni e non curi il lavoro interno, inutile sarà stato il tuo allenamento”.
Occorre comprendere il lavoro interno al Dāntián, “irrobustire l'interno per aiutare l'esterno” si legge nei testi antichi, in modo da rendere muscoli e tendini duri come pietra e ferro.
Lo Shíbā Luóhán gōng (Lavoro dei diciotto Arhat - 十八罗汉功) e il Sānhuíjiǔzhuàn páidǎgōng (Lavoro di irrobustimento del corpo - 三回九转排打功) sono metodi interni che mettono in movimento il nèiqì ed il nèijìn per dare sviluppo alla forza dell’intero corpo.

Il Sānhuíjiǔzhuàn páidǎgōng è un tipo di lavoro interno che cura l’attivazione e il movimento dell’energia e della forza interna, nonché il rafforzamento delle ossa e della pelle.
Questa serie di esercizi fa in modo che il scorra attraverso tutto il corpo, facendolo convogliare nella zona del corpo che si desidera, rinforzando braccia e gambe in modo da poter resistere agli urti. Così si rende più resistente l'intero corpo, che diventa solido come una roccia.
Nell'allenamento non si corre il rischio di farsi male, ma al contrario si fa in modo di non far deperire muscoli e tendini, è il miglior metodo di Gon̄gfǎ per il rinvigorimento del corpo.

         Lo Shíbā Luóhán gōng è un altro metodo di lavoro interno. Nella teoria dello stile si dice "interno ed esterno si raffinano contemporaneamente, ma utilizzare l'interno come base; movimento e quiete sono simultanei, ma usare la quiete come principio".
Lo Shíbā Luóhán gōng consta di diciotto movimenti; durante l'allenamento bisogna prestare massima attenzione nell’utilizzare l'intenzione (Yì 意) e non il Qì, utilizzare il Qì e non la forza (Lì 力), poiché se ci si allena utilizzando la forza si spezza il movimento, se si allena soltanto usando il Qì c’è stagnazione. Solo allenando l'intenzione c’è unione e circolazione in tutto il corpo.
Si enfatizzano principalmente questi metodi: Prendere il Qì (Cǎi qì 采气), Seguire il Qì (Fú qì 服气), Guidare il Qi (Dǎo qì 导气), Far fluire il Qì (Xíng qì 行气), Tasportare il Qì (Yùn qì 运气).
Alla base dell'espansione del Qì bisogna conservare la forza vitale, usare l'intenzione per mettere in moto il Qì, premere i punti di pressione per convogliarlo e respirare naturalmente, così i cinque organi (cuore, fegato, milza, polmoni, reni) saranno privi di ostruzioni e armonizzati, le articolazioni si apriranno naturalmente, ci sarà Qì adeguato nel Dāntián, il Jīngqì (sostanza che mantiene in vita il corpo) sarà soddisfatto e lo Shénqì (lo spirito del corpo) rinnovato.

2- Tecnica a mani nude (Quánfǎ 拳法)
La tecnica a mani nude è il cuore dello stile, i principi che governano i movimenti sono le cosiddette "Chiavi segrete della boxe degli Arhat" (Luóhàn duǎndǎ mìjué 罗汉短打秘诀).

Il Qixing Tanglangquan studia molto attentamente gli aspetti teorici delle tecniche. Tra la teoria dello stile troviamo gli Otto colpi e otto non-colpi (Bā dǎ bā bù dǎ 八打八不 打) e gli Otto duri e dodici morbidi (Bā gāng shíèr rǒu 八刚十 二柔), le tecniche di attacco e difesa si basano principalmente su dodici principi, denominati Le dodici parole chiave (shíèr zìjué 十二字诀), esse sono: gōu 勾 (uncinare), lǒu 搂 (avvolgere), cǎi 采 (strappare), guà 挂 (appendere), bēng 崩 (percuotere), pī 劈 (spaccare), diāo 刁 (ingannare), zá 砸 (frantumare), nián 粘 (aderire), ná 拿 (afferrare), bāng 帮 (aiutare), kào 靠 (appoggiare).

Tra i tanti principi che governano lo stile troviamo: avanzare ed arretrare, vuoto e pieno, lungo e corto, alzarsi e abbassarsi, schivare ingannando e spostarsi in ogni direzione, evadere e saltare, entrare ed uscire, il duro ed il morbido si scambiano a vicenda, aperture e chiusure in successione.

Durante il combattimento bisogna alternare pieno e vuoto, mutare la tecnica secondo la situazione, prendere sopra e colpire sotto, colpire sotto e prendere sopra, passare dalla porta interna alla porta esterna, dalla porta esterna alla porta interna, unire i colpi per creare dei blocchi, portare i colpi all’interno dei blocchi, suonare ad est e colpire ad ovest, alzarsi e abbassarsi velocemente. Nella lunga distanza si hanno sette magnifiche tecniche lunghe, nella corta distanza di otto potentissimi colpi corti. Gli antichi dicevano “Otto per otto sessantaquattro porte (punti dove colpire), nove per nove ottantuno (infiniti) cambiamenti”.
I Taolu sono veloci, chiari ed usano l'intera forza del corpo, i principali sono:
Chāchuí 插捶, Bēngbù 崩步, Lánjié 拦截, Duò gāng 剁刚, Róulíng 柔灵, Shíbā suǒ 十八索, Xiǎo fānchē 小翻车, Dà fānchē 大翻车, Zhāiyào liù lù 摘要六路, Bā zhǒu sì duàn 八肘四段, Pīchuí 劈捶, Jiéchuí 截捶, i taolu di Bai Yuan (Xiānrén zhǐlù 仙人指路, Tōu táo 偷桃, Rù dòng 入 洞, Xiàn táo 献桃, Chū dòng 出洞, Xiàn shū 献书) e altri.

3- Armi (Qìxiè 器械)
L'allenamento con le armi è un ausilio alla pratica dello stile. Intenzionalmente le armi costituiscono un prolungamento delle mani, lo studio di un'arma necessita quindi dello studio dei fondamentali del lavoro interno e della tecnica a mani nude. Le armi fondamentali dello stile sono:
Qīxīng jiàn七星剑 (spada delle sette stelle), BáiYuán zhuī fēng shuāngshǒu jiàn 白猿追风双手剑 (spada a due mani di Bai Yuan che rincorre il vento), Yān Qīng dāo (sciabola di Yān Qīng), Méihuā dāo 梅花刀 (sciabola del fiore di prugno), Liùhé gùn 六合棍 (bastone delle sei armonie), Wǔhǔ qúnyáng gùn 五虎群羊棍 (bastone delle cinque tigri e del gregge di pecore), Méihuā qiāng 梅花枪 (lancia del fiore di prugno), Chūnqiū dàdāo 春秋大刀 (alabarda delle primavere e degli autunni) e altre.

Qīxīng jiàn è l'arma principale dello stile, il metodo di spada è composto dai dodici principi, i primi sei sono principalmente per l'attacco, gli altri sei sono per dissolvere l’attacco dell’avversario.
Tutte le tecniche di spada hanno grandi estensioni, sono semplici e senza abbellimenti, uniscono interno ed esterno in maniera indistinta, mutano al primo accenno e utilizzano grande agilità.

BáiYuán zhuī fēng shuāngshǒu jiàn è un tipo di spada particolare, più lunga rispetto alla spada classica e si impugna con entrambe le mani. Non si insegna a tutti, essendo un'arma “segreta”, per cui è poco diffusa tra le scuole di Qixing Tanglangquan. La lunghezza massima della spada a due mani non deve superare i 146 centimetri, l'impugnatura costituisce un quarto dell'intero corpo, così risulta più facile maneggiarla. L’arma ha 24 principi chiave.
I movimenti di questa spada sono chiari e precisi, leggeri e pesanti in maniera  simultana, interno ed esterno si muovono insieme, il duro ed il morbido si scambiano vicendevolmente, se si incontra il pieno si deve creare il vuoto, se si incontra il vuoto bisogna creare il pieno, il movimento è agile e vivace con delle aperture e chiusure naturali.

Il Liùhé gùn è l'arma più antica del Tanglangquan. Quando il monaco taoista Shen Xiao (terza generazione dello stile) andò al monastero di Shaolin, insieme ai monaci del tempio creò le tecniche di questo bastone, assimilando ed unendo il metodo e la teoria del bastone Shaolin classico con quella di altre scuole. I principi del Liùhé gùn sono numerosi, se ne contano 38 basilari.

4- Combattimenti prestabiliti (Duìliàn 对练)
L'esercizio a coppia aumenta la conoscenza di se stessi e dell'avversario, sviluppa le capacità di attacco e difesa e può essere un momento di verifica per testare le tecniche di mano, di passo ed il controllo della forza. Allo stesso tempo può rendere più interessante l'allenamento. L’esercizio dei Duìliàn ha molti vantaggi per la pratica quotidiana, poiché con esso si evitano quei rischi accidentali che si corrono con il combattimento libero, inoltre si possono utilizzare i combattimenti prestabiliti come esercizio propedeutico al combattimento reale.

I Duìliàn dello stile della mantide delle sette stelle sono: Pāi àn 拍案 (battere la tavola), Táohuā sǎn 桃花散 (spargere i fiori di pesco), Bēngbù duìliàn 崩步对练 (combattimento di Bengbu), Dà kào 大靠 (grande appoggio), Jiāoshǒu 交手(mani appiccicose), Zhāi kuī 摘盔 (raccogliere l’elmetto) e altri.

CONTATTACI

IL TUO PENSIERO E' IMPORTANTE PER NOI

Lascia un Commento

Search Now

ULTIMI BLOGS

instagram

image
image
image
image
image
image

FRASI & AFORISMI

PASSIONE

Non si può descrivere la passione, la si può solo vivere.

Enzo Ferrari

MOTIVAZIONE

Un vincente trova sempre una strada, un perdente trova sempre una scusa.

Robert Kiyosaki

AZIONE

Esistono 3 tipi di persone: coloro che fanno accadere le cose; coloro che guardano accadere le cose e coloro che si meravigliano di ciò che accade.

John M. Capozzi

blog stats

17 Posts
10903 visits
49 media
3918 words
12 comm.